FUGA TRA I FIORI
DIMENTICAR TUTTO E PERDERSI PER UN GIORNO (O PIÙ) NELL’INCREDIBILE PRIMAVERA DEL NORD SARDEGNA.

Le piogge e il tempo incerto di aprile ci hanno regalato una fioritura eccezionalmente ricca. È il momento di lasciare le solite strade e godersi la vera natura della Sardegna: grandi spazi incontaminati e disabitati, una natura che non ha eguali per intensità, profumi e colori.

Anche i paesaggi più familiari, quelli che si vedono dalle strade principali che siamo abituati a percorrere, sono coperti da una soffice e profumata esplosione di verde, giallo, azzurro e rosso. Infilare una strada laterale, perdersi nelle campagne fiorite tra i boschi della Gallura, è ora quasi un dovere verso se stessi. 

Grazie alla scorrevole Olbia - Sassari ci si può allungare verso nuovi panorami verso il lago Coghinas, per esempio, senza timore di non trovar nulla di emozionante. Tutto è meraviglioso, i grandi paesaggi come i piccoli angoli fioriti dove fare un pic-nic di pane integrale o di grano duro sardo, caprino fresco (fatto nell’isola, come il Girau), carciofini sott’olio (è il momento giusto) e un buon vino rosso, tra quelli che hanno sbancato al Vinitaly quest’anno.


S c o p r i   i l   m o n d o